ATTUALITÀNEWS

PIETRASANTA SI FERMA PER L’ULTIMO SALUTO A FEDERICO NAPPI

Pietrasanta si ferma per l’ultimo saluto a Federico Nappi


C’era l’abbraccio di una città intera, giovedì pomeriggio, all’interno del Duomo di Pietrasanta per l’ultimo saluto a Federico Nappi, il giovane operaio rimasto ucciso lunedì, nell’incidente in via della Rocca.

Ad officiare la funzione Don Roberto Canale che, nella sua omelia, ha pensato soprattutto a Ginevra, la figlia di Federico e Francesca che nascerà fra pochi mesi: “Le racconteremo che era un ragazzo soridente, pieno di sogni, sportivo e che amava gli animali e la terra. Le diremo che si era innamorato di Francesca, la sorella del suo migliore amico e che insieme a lei aveva deciso di intraprendere il viaggio della sua vita, con mille progetti. Le diremo che fu per lui il giorno più bello, quello in cui seppe che sarebbe diventato padre. Ma le racconteremo anche che, per i suoi funerali, tutta Pietrasanta si è fermata a salutarlo, come un’unica, grande famiglia e che fu uno dei giorni più tristi, perché in ciascuno di noi si è riaperta la ferita della precarietà della vita. Mentre le diremo tutto questo, lei ci guarderà con gli occhi di Federico e sarà proprio lei ad aiutarci a trovare la strada per sentirlo ancora vicino a noi”.

Dopo il rito delle esequie, hanno voluto lasciare un ricordo il parroco di Forte dei Marmi, poi Gian Lorenzo, il migliore amico di Federico Nappi e fratello di Francesca. Anche lei, stringendo al cuore una camicia dalla tenue fantasia hawaiana, si è avvicinata al microfono. “Eravamo un noi, tanto diversi per alcune cose, tanto simili per molte altre – ha detto, con la voce rotta più volte dalle lacrime – e fantasticavamo sul futuro, facendo progetti come se il tempo non avesse mai fine. Hai arricchito la mia vita ogni giorno, sarei rimasta per ore a