CULTURAEVENTI

L’Eredità delle Donne 2023: presentata a Firenze la nuova edizione

L’EREDITÀ DELLE DONNE 2023

Direzione artistica di Serena Dandini

“Madri della patria”

 

Dal 24 al 26 novembre | A Firenze e online

www.ereditadelledonne.eu

Firenze, 15 novembre 2023 – È Madri della patria il titolo della sesta edizione de L’Eredità delle Donne, il festival con la direzione artistica di Serena Dandini, dedicato all’empowerment femminile e a quanto di straordinario le donne sanno e hanno saputo fare in ogni campo. Si terrà quest’anno in coincidenza con la Giornata contro la violenza sulle donne, dal 24 al 26 novembre a Firenze e on line su www.ereditadelledonne.eu.

Come è da sempre nel suo corredo genetico, anche quest’anno il festival porta in primo piano la voce delle donne impegnate nei processi di pace. – Dichiara Serena Dandini, direttrice artistica del festival – Il nostro pianeta è in fiamme e le donne, prime vittime di tutte le guerre, sono messaggere e costruttrici di pace. In questo io voglio credere, per questo noi ci vogliamo impegnare. Pensando al terribile conflitto tra Israele e Palestina, senza dimenticare l’Ucraina. Mi piace citare le parole di quella che considero una grande Madre della Patria, Liliana Segre, «Ho voluto essere una donna di pace, non ho mai insegnato le parole ‘odio’ e ‘vendetta’, e così morirò».

Non in ultimo, quest’anno le date del festival coincidono con quelle della Giornata Mondiale contro la violenza di genere. Nonostante i passi avanti verso l’equità la violenza di genere non diminuisce. Per quante buone leggi siano state messe in campo e per quante buone intenzioni vengano dichiarate ogni giorno, la rivoluzione culturale necessaria per sconfiggere questo dramma è ancora da compiere. Ed Eredità delle Donne tiene alta l’attenzione anche su questo tema.

La manifestazione è un progetto di Elastica, partner fondatori Fondazione CR Firenze e Gucci, con la co-promozione del Comune di Firenze, la collaborazione di Elle e la partecipazione di Manifattura Tabacchi, sede principale del festival. Rai Radio 2 è la radio ufficiale del Festival. L’Eredità delle Donne 2023 è organizzato con il contributo di Engie, Ford, iliad, Nieco, Polimoda e SYNLAB.

La sesta edizione del Festival inaugura con piacere una nuova partnership con il brand Elle. La collaborazione nasce da una condivisione di valori di empowerment femminile che  il magazine e la sua piattaforma digitale esprimono anche nell’ormai consolidato evento annuale ElleActive! svoltosi il 4 e 5 novembre a Milano. La partnership con Elle sarà un’occasione di condivisioni di temi, competenze, visibilità all’insegna di una causa comune, quella della gender equality.

Quest’anno L’Eredità delle Donne lancia un messaggio chiaro sin dal manifesto: l’immagine simbolo della sesta edizione è infatti una giovane figura femminile che indossa una gonna creata cucendo assieme le date delle più importanti leggi che hanno scandito l’ingresso delle donne nella vita pubblica del nostro Paese. È il momento giusto per ripassare le tappe, almeno le principali, del cammino dell’emancipazione femminile. L’Eredità delle Donne lo fa agganciando il suo racconto ai provvedimenti di legge che, dalle Madri Costituenti a oggi, hanno segnato i diritti delle donne e dell’intera società italiana. È il nostro modo per celebrare quelle Madri della patria (principio cardine del festival dalla sua prima edizione) cui dobbiamo battaglie, campagne sociali e disegni di legge che hanno contributo ad un Paese più equo, più solidale, più inclusivo. Per tutti, uomini e donne.

Giunta alla sesta edizione, la manifestazione ha registrato anche un rinnovato entusiasmo per la call del programma OFF che ha raccolto non solo sul territorio fiorentino ma anche in tutta Italia ben più di 200 iniziative in linea con le tematiche de L’Eredità delle Donne ma declinate secondo i propri campi di interesse. (Il cartellone OFF è disponibile sul sito www.ereditadelledonne.eu).

 

L’ELETTRICE PALATINA

Musa ispiratrice del festival è Anna Maria Luisa de’ Medici, nota come l’Elettrice Palatina, che il festival ha battezzato dalla sua prima edizione come figura di riferimento, vedendo in lei una “Madre della patria”. Ultima esponente della dinastia dei Medici in assenza di discendenti maschi, a lei l’imperatore Carlo VI negò il permesso di essere nominata erede del Granducato di Toscana, impedendole l’accesso al potere e la possibilità di guidare personalmente il suo popolo. Stipulò quindi il “Patto di famiglia”, un atto giuridico che stabiliva di conservare all’interno della città di Firenze e dello Stato del Granducato – nel frattempo passato ai Lorena – tutto il complesso dei beni che facevano parte delle collezioni medicee. A lei va quindi il merito di aver protetto e reso pubblico il patrimonio della città, rendendola lo scrigno che tutti conosciamo, una vera e propria “eredità” per le generazioni future di tutto il mondo.

 

IL FESTIVAL IN BREVE

L’Eredità delle Donne è la prima manifestazione in Italia che dà voce solo a relatrici donne, a confronto con i grandi temi della contemporaneità. Ogni anno scienziate, economiste, scrittrici, artiste, leader, ambientaliste, attiviste, politiche ed imprenditrici si incontrano e si confrontano. In meno di cinque anni L’Eredità delle Donne è diventata la manifestazione di riferimento in Italia sui temi dell’empowerment, un osservatorio privilegiato sulla condizione di genere e sulla sua evoluzione in Italia e nel mondo.

 

I NUMERI DEL FESTIVAL

Premi Nobel, Pulitzer, Oscar, personalità ed istituzioni: in sole cinque edizioni, L’Eredità delle Donne ha portato a Firenze più di 400 ospiti da tutto il mondo, per un totale di oltre 700 eventi diffusi in città. Ben 67 mila le presenze fisiche, con un milione di utenti on line e due milioni di impression sui contenuti social per un totale di 60 ore in diretta streaming.

 

ELASTICA

Elastica è un’agenzia che pensa e produce eventi live in ambito culturale e corporate, crea strategie di comunicazione e media relations ed è il principale speakers bureau italiano, attiva anche in ambito editoriale con la propria agenzia letteraria. Alla sua quinta edizione, il festival L’Eredità delle Donne è un format originale, completamente pensato e curato dal gruppo di lavoro dell’agenzia. www.elastica.eu.

 

L’Eredità delle Donne – dal 24 al 26 novembre 2023

Firenze – Manifattura Tabacchi, viale delle Cascine 35 

 

L’Eredità delle Donne è on line

www.ereditadelledonne.eu | #EDD2023

Facebook https://www.facebook.com/ereditadelledonne

Instagram https://www.instagram.com/ereditadelledonne/

 

_________________________________________

Più di 50 ospiti dal mondo e decine di eventi

L’Eredità delle Donne, dal 24 al 26 novembre a Firenze e on line

 

Per le donne impegnate nei processi di pace, contro ogni violenza, 

a cominciare da quella di genere. 

È la VI edizione del festival diretto da Serena Dandini, dove si parlerà anche di corpo, 

economia circolare, cambiamenti climatici e migrazioni. Con un focus sull’Afghanistan 

Tre giorni tra talk e presentazioni di libri, più due serate speciali 

 

“Madri della patria” è il titolo di quest’anno. Tra le ospiti Eve Ensler (V), Greta Scarano, Anna Prouse, Fabio Roia, Carola Rackete, Olesksandra Romantsova, Rosi Braidotti, Anna Di Stasio, Donatella Di Cesare, Natalia Quintavalle, Michela Marzano,  Annalena Benini

E ancora Federica Cacciola, Maria Beatrice Alonzi, BigMama, Casadilego…

 

Tra le autrici: Vivian Lamarque, Veronica Raimo, Elvira Dones, Espérance Hakuzwimana, 

Gigliola Cinquetti, Francesca Tamburini

 

Firenze, 15 novembre 2023 – Uno sguardo al passato per proiettarsi verso un futuro più equo e rispettoso dell’Altro. L’Eredità delle Donne per il 2023 si propone di portare avanti per la ormai tradizionale tre giorni, un omaggio alle Madri della patria, titolo scelto per questa sesta edizione.

Il festival sull’empowerment e sulle competenze femminili, con la direzione artistica di Serena Dandini, si terrà quest’anno dal 24 al 26 novembre a Firenze, con la consueta diretta on line su www.ereditadelledonne.eu.

Oltre cinquanta i nomi, tra i più prestigiosi nel panorama contemporaneo, ognuno portando il proprio contributo esperienziale e professionale, che si susseguiranno all’interno di una dozzina di panel cui si aggiungono approfondimenti, presentazioni e talk.

Serena Dandini, direttrice artistica de L’Eredità delle Donne, sarà protagonista di due serate teatrali: venerdì 24 novembre alle 20,30 al Teatro Niccolini con Muse e madri e sabato 25 novembre alle 20.30 in Manifattura Tabacchi con Le leggi delle donne. Nel corso di entrambe le serate Serena Dandini procederà a “un ripassino del da dove veniamo, chi siamo e soprattutto dove non vogliamo tornare”. È un “ripasso” delle conquiste delle donne e del loro cammino verso la piena emancipazione, che spazia dall’eredità delle 21 tenaci ed eroiche Madri Costituenti fino alle voci del nostro tempo. Tra queste ultime è giusto ricordare, celebrare e financo vendicare le nostre “muse”, ovvero quelle donne fuori dagli schemi che a fianco ma più spesso a dispetto degli uomini hanno luminosamente ispirato e continuano a ispirare la storia di tutti noi.

Venerdì 24 novembre, dunque, per Muse e madri, assieme a Serena Dandini appuntamento con la scrittrice e autrice del bestseller mondiale I monologhi della vagina Eve Ensler (V), con La Batt Woman, membrə di Purple Square, il canale social dedicato a Michela Murgia, e con la giudice Gabriella Luccioli, in collegamento, una delle prime donne diventata magistrato in Italia dopo il concorso pubblico del 1963 finalmente aperto anche alle candidate. La serata vedrà inoltre la partecipazione straordinaria della scrittrice Chiara Valerio, dell’autrice Sara Poma e dell’attrice Orsetta De Rossi che leggerà alcuni brani.

Sabato 25 alle 20,30 per Le leggi delle donne, invece, assieme a Serena Dandini sul palco salirà la cantautrice Paola Turci, tornerà l’autrice Sara Poma e in collegamento parteciperà la parlamentare Emma Bonino; nel corso della serata di nuovo la voce di Orsetta De Rossi guiderà il pubblico con alcune letture speciali.

 

I PANEL DEL SABATO

 

La giornata di sabato 25 novembre, Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne, si apre nella sala centrale di Manifattura Tabacchi, dopo gli interventi istituzionali, con il panel Fermiamo la violenza, moderato da Lavinia Farnese Editor in Chief & Digital Director Cosmopolitan Italia: insieme al magistrato Fabio Roia, presidente del Tribunale di Milano, componente del Tavolo permanente contro la violenza di genere istituito con legge regionale della Regione Lombardia e consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio ci saranno Anna Di Stasio, sostituto procuratore presso il Tribunale dei Minorenni di Roma e Massimo Russo, direttore editoriale dei magazine del gruppo Hearst Italia. Inoltre ospite di un’intervista speciale sempre a cura di Lavinia Farnese sarà l’attrice Greta Scarano, protagonista di una delle serie tv più discusse del momento, Circeo. A chiusura dell’incontro sarà inoltre annunciato l’avvio di una raccolta fondi a favore della nascitura Casa delle Donne di Firenze e per sostenere la comunità di associazioni che da anni si occupano delle tematiche di genere e del contrasto alla negazione dei diritti delle persone, delle donne in particolare.

Riprendono i lavori di L’Eredità delle Donne alle 15,00 sempre in sala centrale con il panel Fantasmi di pace, un dialogo tra il Premio Nobel per la Pace 2022 e direttrice del Center for Civil Liberties di Kiev Oleksandra Romantsova e Donatella Di Cesare, filosofa e saggista, una delle voci più significative del pensiero europeo contemporaneo. Modera Massimo Russo, direttore editoriale dei magazine del gruppo Hearst Italia che sarà anche protagonista dell’intervista ad Anna Prouse, esperta riconosciuta a livello internazionale di cultura, di politica e di affari mediorientali, africani ed europei, e delegata della Croce Rossa Internazionale, che parlerà inoltre del suo ultimo libro “Della mia guerra, della mia pace” (HarperCollins).

A seguire alle 16 sempre nella centrale il talk Tutto parla di te con Annalena Benini, autrice, giornalista e direttrice del Salone del Libro di Torino, in dialogo con Liliana Rampello, critica letteraria e saggista, presenta il suo romanzo “Annalena” (Einaudi), dedicato a Annalena Tonelli, missionaria laica cattolica che trascorse 35 anni della propria vita come volontaria negli scenari di guerra di Kenya e Somalia, prima di essere uccisa nell’ottobre del 2003 da due sicari.

Subito dopo alle 16.30 nella sala centrale il panel A fior di pelle sulla percezione del proprio corpo come confine non solo fisico ma anche sociale. Le donne, ancora oggi, devono confrontarsi tutti i giorni con una società che almeno in Italia le imbriglia in canoni e stereotipi. La giornalista Martina Pennisi, firma del Corriere della Sera, racconterà la sua esperienza di madre di due gemelli in una coppia omogenitoriale con tutte le difficoltà e gli ostacoli burocratici che ha trovato in questo anno di vita dei suoi bambini. Sarà sempre lei a dialogare con Maria Beatrice Alonzi, autrice di “Tu non sei i tuoi genitori” (Sperling & Kupfer), un saggio dedicato ai figli che «non sono il frutto dei loro genitori, non sono la reazione al loro modo di dare amore da quando erano bambini».  Dal corpo dei figli e dei genitori a quello delle artiste: Federica Cacciola, BigMama e Casadilego ci racconteranno cosa vuol dire parlare, esibirsi, gareggiare, cantare e performare portandosi dietro un corpo esposto alla visione – e quasi sempre al giudizio feroce – del pubblico. Succede anche alle artiste di fama mondiale. Lo racconterà, in conclusione del panel, Gloria Campaner, pianista che si è esibita sui palcoscenici più prestigiosi e che ora ha momentaneamente lasciato il pianoforte per gestire un altro aspetto della performance artistica: quello delle emozioni.

Prosegue il programma della sala centrale alle 18 con il ritorno a Eredità delle Donne della filosofa e scrittrice Michela Marzano che sarà protagonista con il suo ultimo libro Sto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa (Rizzoli) del talk Dove finisce il consenso? assieme alla giornalista Caterina Soffici.

Crescere, confrontarsi, specchiarsi nelle pagine di un grande magazine femminile, analizzando le sue immagini di moda più rappresentative. S’intitola Elle Generations il panel in programma sabato 25 novembre, ore 15.30, in sala ridotto: Elisabetta Muritti, giornalista, modera l’incontro tra Micaela Sessa e Amelianna Loiacono, entrambe autorevolissime fashion stylist di Elle Italia, e un gruppo di studenti di Polimoda – The Fashion School in Florence, coordinati da Giulia Bonali, loro docente di Fashion Studies.

A seguire alle 16,15 sempre in sala ridotto il panel Purché sia sostenibile, un focus dedicato ai temi ambientali:  Monica Mecacci per Ford Italia presenta il progetto “Charge around the Globe”, il viaggio intercontinentale dell’esploratrice Lexie Alford, aka Lexie Limitless, a bordo di un veicolo 100% elettrico sulle orme di Aloha Wanderwell, pioniera negli anni Venti e Trenta del Novecento del primo viaggio intorno al mondo in automobile (una Ford Model T). A seguire Emanuela Evangelista biologa e attivista,  in dialogo con Edoardo Vigna caporedattore al Corriere della Sera e responsabile di Pianeta 2030, racconta la sua esperienza di vita nel cuore della foresta amazzonica, partendo dal suo libro Amazzonia. Una vita nel cuore della foresta (Laterza).

Chiude gli incontri della giornata in sala ridotto alle 17 Leadership d’alta quota, il racconto emozionante di un’alpinista da record, Nives Meroi, che assieme al marito Romano Benet ha raggiunto la vetta di tutti i 14 ottomila della terra senza l’uso di ossigeno supplementare né portatori d’alta quota. Nives Meroi metterà a fuoco le doti che distinguono e descrivono una leader.

Inoltre, come sede centrale del festival, lo stesso sabato 25 novembre dalle ore 17 alle ore 20, Manifattura Tabacchi di Firenze apre ai visitatori gli atelier e i negozi delle imprenditrici presenti all’interno della struttura, offrendo una immersione nelle storie, nei prodotti e nei loro percorsi imprenditoriali.

Tra queste realtà figurano Archivi Sartoriali, eccellenza nella produzione di abbigliamento Made in Italy, guidata da Michela Parrini; Bulli&Balene, reinterpretazione della tradizione del bacaro veneziano, gestito da Virginia Giulia Manetti; CUCHISS LAB, bakery lab all’insegna dei dolci anglosassoni, fondato da Elisabetta Congia e Lara Messeri; HIROKO Bento, cucina e bottega di carte e libri giapponesi con una selezione di vini naturali a cura di Todo Modo insieme alla chef Hiroko Kawamoto; Lostudioesse, punto di riferimento per il benessere psicofisico creato da Silvia Tozzi; LUNEDÌ, brand innovativo di abbigliamento senza stagioni, fondato da Alessandra Lunedì; NOA INK, rinomato studio di tatuaggi in Toscana, a cura di Noa Yanni; Opera Prima, specializzata in spazi direzionali contemporanei, fondata da Claudia Daneri; Polverenera, di Elisa Polverini, un luogo dove trovare un servizio di qualità con personale altamente qualificato proveniente dall’Accademia Polverini a Firenze; SHAKE CAFÉ, caffè contemporaneo eco-consapevole gestito da Fanny Isaksson; SUPERDUPER, celebre per i suoi iconici cappelli artigianali, guidato da Veronica Cornacchini; ZOO Hub, con i soci fondatori Claudia Daneri e Francesca Pacianti, progetto di ricerca che raccoglie, racconta e promuove l’avanguardia contemporanea attraverso il linguaggio del design. Queste donne imprenditrici contribuiscono a creare in Manifattura Tabacchi un ecosistema dinamico, favorendo sinergie e opportunità di crescita. Dal food all’alta moda, dal design all’arredo, queste nuove realtà consolidano ulteriormente Manifattura Tabacchi come distretto urbano all’avanguardia, un luogo aperto a tutti, connesso col mondo, un quartiere dove lavorare, vivere, incontrarsi, studiare e ispirarsi.

 

I PANEL DELLA DOMENICA 

 

Apre i lavori della domenica alle 15 un’esclusiva de L’Eredità delle Donne 2023: il ritorno in Italia dell’attivista tedesca Carola Rackete che, a partire dal titolo del suo libro Il mondo che vogliamo (2019), sarà intervistata dalla giornalista Tonia Mastrobuoni su tematiche climatico-ambientali.

Alle 15,30 si prosegue all’insegna dell’attualità e della geopolitica con il panel Testimoni di frontiera, un’intervista della giornalista di esteri Annalisa Camilli a Najwa Wheba, la prima donna portavoce alla Presidenza libica di Tripoli, riconosciuta dall’Onu.

A seguire sempre Annalisa Camilli sarà in dialogo con la consulente diplomatica sui migranti climatici presso le Nazioni Unite Angelica De Vito e con Giorgia Linardi portavoce e attivista della Ong SeaWatch: un confronto dedicato al fenomeno migratorio legato al cambiamento climatico, introdotto dal prezioso collegamento da Utrecht della filosofa e femminista Rosi Braidotti.

A due anni dal ritorno dei Talebani a Kabul, due approfondite interviste alle 16,30 in sala centrale nel panel Afghanistan. Donne da non dimenticare a cura della giornalista Rai e scrittrice Tiziana Ferrario: la prima a Natalia Quintavalle, prima donna ambasciatrice italiana in Afghanistan, paese che sta attraversando una delle più gravi crisi umanitarie, legata alle conseguenze della guerra e dei disastri ambientali. In questa cornice, L’Eredità delle Donne desidera riportare l’attenzione sulla condizione  delle donne e ragazze afgane, che hanno già visto cancellati i loro diritti.

Il secondo dialogo sarà con Zarifa Ghafari: già sindaca di Maidan Shahr, Afghanistan, dal 2018 al 2021 e successivamente dirigente del Ministero della Difesa, Ghafari ha lasciato Kabul nell’agosto 2021 e vive in Germania. È co-autrice del documentario prodotto da Netflix  “In her hands” e con Hannah Lucinda Smith del libro “Zarifa. La battaglia di una donna in un mondo di uomini” (Solferino, 2023).

Anche l’ultimo panel della domenica in sala ridotto alle 16,30 sarà a tema ambientale, Un paese senza scarti: se un mondo senza rifiuti è impossibile, un mondo senza discariche è invece realizzabile, come testimoniano molte esperienze. Con Francesca Cafiero, presidente di Nieco Spa e Anna Fasano, presidente di Banca Etica si parlerà di end of waste, il processo attraverso il quale un rifiuto cessa di essere tale per mezzo di procedure di recupero e acquisisce lo status di prodotto. In collegamento l’esperienza poi di Stefano Funari, imprenditore, fondatore di “I was a sari”, impresa di economia sociale e moda sostenibile creata a Mumbai in India. Modera l’incontro Massimo Cirri, conduttore radiofonico, psicologo e drammaturgo.

Sigilla la sesta edizione di L’Eredità delle Donne l’evento speciale alle 18 in sala centrale in collaborazione con Una Nessuna Centomila, la prima Fondazione italiana per la prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne che sostiene attivamente i Centri Antiviolenza su tutto il territorio nazionale. Diversi saranno gli ospiti che parteciperanno alla serata in Manifattura Tabacchi tra cui Giulia Minoli, Noemi, Vittoria Puccini, Massimiliano Caiazzo e la Presidente Onoraria della Fondazione, Fiorella Mannoia, che interverrà in collegamento.

_________________________________

Anche i libri tra i protagonisti de L’Eredità delle Donne

tra presentazioni e anteprime letterarie 

 

Un vero festival nel festival con dieci ospiti italiane e internazionali 

 

Vivian Lamarque, Veronica Raimo, Espérance Hakuzwimana, 

Silvia Bencivelli, Annalena Benini, Elvira Dones, Nogaye Ndiaye, Gigliola Cinquetti, Emanuela Evangelista, Francesca Tamburini, Victoire Tuaillon

 

Firenze, 15 novembre 2023– Torna anche in questa edizione Libri al festival, ormai un tradizionale e consolidato appuntamento con l’editoria all’interno di L’Eredità delle Donne.

Si parte con Il dubbio e il desiderio – Eva Mameli Calvino (Electa) di Silvia Bencivelli in dialogo con Paola Govoni, docente di Storia della scienza (sabato 25 novembre alle 15.30 in sala libri): nel centenario della nascita di Italo Calvino, un ritratto inedito di sua madre Eva Mameli Calvino (1886-1978), celebre botanica vissuta tra la Sardegna, Cuba e la Liguria.

Si ritorna in sala libri alle ore 16.15 per La Banda del Pianerottolo (Mondadori) di Espérance Hakuzwimana in dialogo con la giornalista Natascha Lusenti: un romanzo che ha tanti colori e voci quanti sono i personaggi e che celebra la forza straordinaria del sogno e dell’amicizia.

A seguire sempre in sala libri alle ore 17.00 arriva Lo strano caso di Lukas Santana (La nave di Teseo), l’ultimo libro di Elvira Dones che dialogherà con lo scrittore Paolo Di Paolo: un romanzo corale di grande intensità che narra la storia di un piccolo gangster messicano, soldato semplice di una delle feroci bande che operano nel Rio Grande, nel sudest del Texas, da dieci anni recluso nel braccio della morte pur non avendo mai ucciso.

Alle 17.45 in sala libri l’esordio letterario di Nogaye Ndiaye con Fortunatamente nera. Il risveglio di una mente colonizzata (Harper Collins) che sarà presentato dalla giornalista Annalisa Camilli: dopo due viaggi in Senegal che le hanno cambiato la vita, l’autrice racconta di come si è riappropriata della sua identità e ha trovato l’ispirazione e lo slancio per diventare attivista per i diritti civili e sociali.

La domenica prende l’avvio alle ore 15.30 in sala ridotto con l’esordio letterario della cantante Gigliola Cinquetti che assieme alla giornalista Simonetta Sciandivasci presenterà A volte si sogna (Rizzoli): una delle voci più amate d’Italia si racconta per la prima volta, rivelando anche una vena narrativa sorprendente.

Alle 15.30 si torna in sala libri con la booktoker Francesca Tamburini che presenta assieme alla giornalista Sara Scarafia il suo romanzo d’esordio Il custode,  un fantasy luminoso e profondamente ottimista che affronta con grande leggerezza e delicatezza temi importanti quali l’identità di genere, la scoperta di sé e le difficoltà del diventare adulti.

Alle 16.30 in sala libri  la poetessa e scrittrice Vivian Lamarque è protagonista di un reading, introdotto dalla giornalista Natascha Lusenti, in cui darà voce a L’amore da vecchia (Mondadori), la raccolta che le è valso il Premio Strega Poesia 2023. In questi nuovi versi, vivaci e freschissimi, quasi con ironia a dispetto del titolo che li presenta, Vivian Lamarque torna ai lettori con un’opera ricca di impressioni e memoria, di vicende e presagi, che si susseguono come nelle scene di un ampio, libero film.

Alle 17 in sala ridotto Veronica Raimo presenta in dialogo con Elena Stancanelli, giornalista e scrittrice, i suoi nuovi undici racconti raccolti in La vita è breve, eccetera (Einaudi): donne troppo pigre per essere ribelli, donne razionali eppure scaramantiche, capaci di inventare mondi immaginari solo per mandarli in frantumi, insomma, uno sguardo libero sulle donne e le loro relazioni.

La rassegna dei libri 2023 di Eredità delle Donne chiude, alle 17.15 in sala libri,  con una bellissima anteprima internazionale in collaborazione con l’Institut Français Italia, con l’attivista e giornalista francese Victoire Tuaillon che, assieme alla sociolinguista e scrittrice Vera Gheno, presenta il suo ultimo libro Fuori le palle (Add Editore), in cui assieme ad altri autori e autrici affronta il tema della mascolinità dal punto di vista storico, sociale, filosofico e filologico.

______________________________

 

Anche quest’anno Firenze risponde a gran voce alla call lanciata da EDD 

L’Eredità delle Donne, boom di adesioni per il calendario OFF

 Più di 200 eventi in tutta la città

Laboratori, concerti, trekking, visite guidate, mostre, reading e conferenze

 a sostegno dell’empowerment femminile

Dal capoluogo toscano alle periferie metropolitane, dalla Liguria alla Romagna: la rassegna OFF valica quest’anno i confini regionali per divenire sempre più una manifestazione per e di tuttə

 

Firenze, 15 novembre 2023– Sono 215 le iniziative e gli appuntamenti selezionati tra oltre trecento proposte per partecipare all’edizione OFF de L’Eredità delle Donne 2023, il festival dedicato alle eccellenze femminili ideato da Serena Dandini e in programma a Firenze dal 24 al 26 novembre (online su www.ereditadelledonne.eu). Spaziano dai laboratori – anche per bambine e bambini! -, alle conferenze, dalle presentazioni di libri alle visite guidate, dai trekking urbani agli spettacoli e le mostre: con uno straordinario slancio creativo animeranno di scoperte, di curiosità e di idee i giorni del festival.

Anche quest’anno, dunque, il calendario OFF amplifica i valori e le mission di L’Eredità delle Donne: valorizzare e raccontare il ruolo delle donne di ieri, oggi e domani, sollecitare il confronto sul tema dell’empowerment femminile e costruire orizzonti nuovi a vantaggio di tutti.

L’edizione 2023 conferma l’enorme entusiasmo creatosi intorno al festival con il coinvolgimento di tutto il territorio fiorentino e non solo: di fatti parteciperanno al calendario OFF anche realtà genovesi, della Riviera Adriatica e venete, solo per citarne alcune; per quanto riguarda Firenze, la città ha risposto animando centinaia di location, dal centro alla periferia fino ai comuni limitrofi.

Sono luoghi prestigiosissimi come la biblioteca Medicea, la basilica di Santa Maria Novella, il Museo del Duomo, l’Università di Firenze, la Biblioteca delle Oblate, il Palazzo della Banca d’Italia, l’Istituto Brunelleschi, il Museo Archeologico Nazionale, il Museo Galileo Galilei, solo per citarne alcuni, cui si affiancano i tanti teatri, cinema, librerie, istituti di cultura, locande, negozi, ristoranti, botteghe e atelier di moda, gallerie d’arte e studi fotografici, associazioni sportive e i quartieri stessi.  Vi si potranno ascoltare, o vedere, o persino assaporare racconti dedicati alle grandi donne della storia, come lo furono le dame della corte dei Medici, le pittrici come Artemisia, le scrittrici come Elizabeth Barrett Browning e le partigiane della Resistenza.

Sarà suggestivo e importante scoprire valorose scienziate misconosciute, ripercorrere la vita di Maria Callas o i luoghi di Adelaide Ristori, entrare nei monasteri femminili o alzare lo sguardo per leggere le storie di donne di Firenze nei monumenti e nella toponomastica. E naturalmente discutere, parlare, denunciare la violenza di cui le donne sono vittime, le discriminazioni che le marginalizzano, i troppi divari che ancora le separano dalla parità di genere.

Il programma completo degli eventi è online al link: https://ereditadelledonne.eu/programma-eventi-off/

Elastica | Contatti per la stampa

Francesca Ceccarelli– Relazioni con i media

Tel. +39 333 5317 547 | stampaedd@elastica.eu

 

Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio