NEWS

DECRETO ASL, ECCO LE MISURE ANTI AVIARIA PER GLI ALLEVAMENTI

Decreto Asl, ecco le misure anti aviaria per gli allevamenti


A seguito del decreto ricevuto dal Dipartimento di sicurezza alimentare e sanità pubblica veterinaria dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest, relativamente alla conferma di positività al virus dell’influenza aviaria riscontrata in un allevamento rurale di Pietrasanta, l’amministrazione comunale informa sulle misure restrittive volte al contenimento della diffusione del virus e alla sua eliminazione, così come indicate dall’autorità sanitaria locale.

Nella fattispecie, l’istituzione di una “zona di protezione” nel raggio di 3 chilometri dall’allevamento in cui è stata riscontrata la positività (via Padule) e di una “zona sorveglianza” con un raggio di 10 chilometri dal medesimo.

Gli allevamenti presenti nelle due aree saranno censiti, visitati dai veterinari Asl per verifica della documentazione e dello stato clinico dei volatili presenti e sottoposti a sorveglianza sierologica e virologica del pollame. Gli allevatori dovranno segnalare immediatamente all’autorità sanitaria l’aumento della mortalità o il calo significativo della produzione e tenere un registro dei visitatori da mettere a disposizione dell’Asl. In entrambe le zone sono, inoltre, vietate fiere, mostre ed esposizioni di pollame e altri volatili.

Per la zona di protezione, in vigore per 21 giorni dalla data del completamento delle operazioni di pulizia e disinfezione dell’allevamento infetto e alla scadenza dei quali si applicano le misure previste per la zona di sorveglianza: i volatili devono essere confinati in un luogo interno e separato dagli altri animali; veicoli e attrezzature utilizzati per trasportare il pollame e quanto usato per la loro cura sottoposti a disinfezione; consentiti nuovi ingressi o uscite di pollame dalle aziende solo con autorizzazione veterinaria ufficiale; vietati lo spargimento pollina e l’introduzione di selvaggina di specie sensibili destinata al ripopolamento faunistico; vietata vendita ambulante di animali di specie sensibili; vietato il trasporto di volatili fra aziende, salvo che su strade private.

Nella zona di sorveglianza, in vigore per 30 giorni: vietato lo spostamento di volatili fra aziende ricomprese nell’area, salvo autorizzazione regionale; divieto di trasporto di pollame e uova verso macelli, centri di imballaggio e stabilimenti di settore esterni alla zona; accurata pulizia e disinfezione di veicoli e attrezzature usate per il trasporto dei volatili; vietati ingressi e uscite di pollame o volatili in cattività, lo spargimento pollina e l’introduzione di volatili destinati al ripopolamento faunistico; vietata la caccia di uccelli acquatici in appostamento fisso.

Il decreto Asl è consultabile, nella sua interezza, all’albo pretorio comunale.

Ufficio Stampa & Relazioni Esterne
Giada Menichetti
0584.795213

Franca Ciari

GazzettaToscana.it è un quotidiano online di cronaca indipendente sui fatti che circondano la zona della Toscana.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio