EVENTI

EMPOLI. ‘Opera in piazza’: c’è un’opportunità per salire in palcoscenico

‘Opera in piazza’: c’è un’opportunità per salire in palcoscenico
Pubblicato il bando di partecipazione al laboratorio corale per ‘La bohème’. Le audizioni si terranno martedì 22 marzo, alle 21, alla sala teatro “Il Momento”

EMPOLI – Sono aperte le iscrizioni per partecipare al grande laboratorio corale per la costituzione di un ensemble finalizzato alla produzione de la Bohème, la celebre opera di Giacomo Puccini, scelta come titolo da mettere in scena nella suggestiva cornice di piazza Farinata degli Uberti venerdì 22 luglio e alla Cava di Roselle (Grosseto) la domenica successiva.
Un’occasione davvero imperdibile per chiunque abbia voglia di provare l’ebbrezza delle luci della ribalta e di partecipare in prima persona alla rappresentazione di un’opera lirica.
Il bando è aperto a voci di soprani, contralti, tenori e bassi che non abbiano compiuto il cinquantacinquesimo anno di età. Per essere ammessi al laboratorio occorre superare una serie di semplici prove in cui è richiesto di dimostrare un minimo di educazione al canto attraverso una serie di elementari esercizi vocali e ritmici, da svolgere sul momento e sulla lettura a prima vista di un estratto di un coro tratto dall’opera.
Le audizioni si terranno martedì 22 marzo, alle 21, alla sala teatro “Il Momento”, in piazzetta della Propositura, 3, a Empoli, alla presenza del Maestro Simone Faraoni, direttore del coro nella produzione e del Maestro Lorenzo Ancillotti, direttore artistico del Centro Busoni.
Una volta superata la selezione, i partecipanti al laboratorio potranno concordare con gli insegnanti orari e frequenze delle prove. Questa scelta per consentire la massima disponibilità e compatibilità con impegni professionali e familiari. Gli studenti di scuola superiore e degli istituti dell’Alta formazione artistica e musicale potranno chiedere per questa esperienza il riconoscimento dei crediti formativi.

«L’anno scorso abbiamo tenuto a battesimo l’attività del laboratorio corale per la produzione dell’opera in piazza e i risultati relativi alla partecipazione sono stati piuttosto confortanti, con ventidue iscrizioni per l’audizione e la selezione di diciotto giovani coristi. Quest’anno, con la complicità della fine dell’emergenza sanitaria e del titolo de La bohème, una delle opere più amate e rappresentate nel mondo da più di un secolo, siamo persuasi a raccogliere un numero di adesioni ancora più cospicuo – afferma Lorenzo Ancillotti, che prosegue –. È evidente che i principali interlocutori del progetto sono i giovani studenti e professionisti, ma saremo ben felici di accogliere anche dilettanti, animati dalla passione per il canto corale, purché in grado di dare saggio di una basilare educazione al ritmo e alla vocalità d’insieme. Siamo molto orgogliosi di poter offrire l’opportunità di partecipare a una produzione lirica completa, di provare l’adrenalina delle luci della ribalta, ma soprattutto di fare un’esperienza artistica e formativa».

Per scaricare il bando e per tutte le informazioni relative al progetto, si consiglia di consultare il sito del Centro Busoni www.centrobusoni.org, oppure la pagina Facebook denominata Centro studi musicali Busoni.
Per qualsiasi ulteriori informazione invitiamo a scrivere a csmfb@centrobusoni.org, oppure a telefonare allo 0571 711122, dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.

Periodico Empoli

Franca Ciari

GazzettaToscana.it è un quotidiano online di cronaca indipendente sui fatti che circondano la zona della Toscana.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio