Teatrodante Carlo Monni: la nuova stagione di prosa con Paolo Cevoli, Enzo Decaro, Elio Germano, Lodo Guenzi, Stefano Massini, Fiona May, Emilio Solfrizzi, Theo Teardo, Milena Vukotic // Al via gli abbonamenti

Written by Redazione. Posted in EVENTI

Published on luglio 18, 2022 with Comments"> Comments

Dal 10 novembre al 30 marzo 10 spettacoli con 2 prime nazionali

Apertura abbonamenti mercoledì 20 luglio, nuovi abbonati dal 15 settembre

 

“Toc Toc – Il teatro è social”: la stagione di prosa 2022-2023

del Teatrodante Carlo Monni

 

Il direttore artistico Andrea Bruno Savelli: “Un invito a portare dal vivo quella connessione collettiva che per troppo tempo è stata relegata allo spazio virtuale”

 

Tra i protagonisti: Fiona May, interprete d’eccezione di “La prova contraria” per una nuova produzione targata Teatrodante (10,11/11); Milena Vukotic, nei panni di Miss Daisy in “A spasso con Daisy”, diretto da Guglielmo Ferro (25/11); un omaggio al Rinascimento fiorentino con “La beffa del grasso legnaiuolo”, per la regia di Andrea Bruno Savelli (5-8/01); Emilio Solfrizzi, malato immaginario nell’omonimo capolavoro di Molière, con adattamento di Guglielmo Ferro (23/01); Lodo Guenzi, al centro di “Trappola per topi”, classico del giallo firmato Agatha Christie e riletto da Giorgio Gallione (5/02); e ancora: in esclusiva toscana Paolo Cevoli in “Lezioni di marketing romagnolo” (17/02); Enzo Decaro, che sarà l’avaro imprenditore Gennaro Savastano in “Non è vero ma ci credo”, di Peppino De Filippo (24/02); Stefano Massini e l’Orchestra Multietnica di Arezzo con “Quando sarà capace di amare”, in omaggio a Giorgio Gaber (1/03); il ricordo di Niccolò Ciatti, Willy Monteiro Duarte e Simone Frascogna in “Picchio ergo sum”, nuova produzione del Teatrodante (18/3); Elio Germano e Theo Teardo con “Paradiso XXXIII”, racconto del celebre canto della Divina Commedia (30/3)

 

 

Firenze, 18 luglio 2021Paolo Cevoli, Enzo Decaro, Elio Germano, Lodo Guenzi, Stefano Massini, Fiona May, Emilio Solfrizzi, Theo Teardo, Milena Vukotic. Sono questi alcuni tra i protagonisti della stagione di prosa 2022/2023 del Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio (Fi), presieduto da Fondazione Accademia dei Perseveranti e con la direzione artistica di Andrea Bruno Savelli. Dal 10 novembre al 30 marzo 10 spettacoli con due nuove produzioni raccolti sotto un titolo collettivo: “Toc Toc – Il teatro è social”: un invito a portare dal vivo quel senso di interconnessione che per troppo tempo è stato affidato quasi esclusivamente alla dimensione virtuale. Come? Attraverso una programmazione più che mai varia e diversificata, tra commedia, divulgazione, teatro d’impegno, omaggi ad autori noti e amatissimi, musica e nuove scommesse per coinvolgere un pubblico il più ampio possibile, grazie alla collaborazione e al sostegno di Regione Toscana, Comune di Campi Bisenzio, Ministero della Cultura, Chiantibanca, Unicoop Firenze e Fondazione CR Firenze (info e prezzi www.teatrodante.it).

 

La stagione sarà inaugurata dalla prima nazionale di “La prova contraria”, produzione firmata Fondazione Accademia dei Perseveranti che vedrà la campionessa Fiona May come interprete d’eccezione: un testo che guarda alle problematiche della società contemporanea con la tensione di un thriller, mantenendo lo spettatore sul filo della suspense per riflettere sulla violenza insita negli uomini, per la regia di Andrea Bruno Savelli (10,11/11 ore 21.00). La conclusione sarà invece affidata a ”Paradiso XXXIII”: “uno spettacolo divulgativo senza che niente sia spiegato”, come lo definiscono gli autori. Elio Germano e Teho Teardo sono voce e musica dell’indicibile ricercato da Dante nei versi del XXXIII canto del Paradiso. Dal suono avvincente ed “etterno” germogliano suoni inauditi e imprevedibili e scaturisce la regia visionaria di Simone Ferrari e Lulu Helbaek, poeti dello sguardo, capaci di muoversi tra teatro e show portando sempre con loro una stilla di magia del Cirque du Soleil (30/3 ore 21.00).

 

Apertura degli abbonamenti da mercoledì 20 luglio, mentre dal 15 settembre spazio ai nuovi abbonati e vendita biglietti singoli dal 4 ottobre.

 

In cartellone anche a “A spasso con Daisy”, racconto delicato capace di affrontare con ironia un tema complesso come il razzismo negli Stati Uniti del dopoguerra, con cui Alfred Uhry si aggiudicò il Premio Pulitzer per la Drammaturgia nel 1988. Milena Vukotic è l’anziana Miss Daisy, una donna dal piglio forte, scontrosa e avara ma anche vitale e indipendente che giorno dopo giorno svilupperà per Hoke, l’autista di colore affezionato e analfabeta, un rapporto fatto di battibecchi e battute pungenti che cela un affetto profondo. La storia di un’amicizia profonda nata nonostante i pregiudizi e le classi sociali, con la regia di Guglielmo Ferro (25/11 ore 21.00). Si continua con “La beffa del grasso legnaiuolo”: uno spaccato della vita fiorentina dei primi anni ruggenti del Rinascimento in cui nobili, artigiani ed artisti condividevano le medesime passioni, lo stesso gusto per la vita e per l’arte e ponevano le basi per la costruzione di quell’inconfondibile “carattere fiorentino” fatto di intelligenza, gusto, cinismo ed ironia che ancora oggi caratterizza i più veraci rappresentanti di questa inimitabile città, con riduzione di Angelo Savelli da testi quattrocenteschi e regia di Andrea Bruno Savelli (5/01 ore 21.00; 6/01 ore 18.00; 7/01 ore 21.00; 8/01 ore 16.30).

 

Emilio Solfrizzi sarà al centro di “Il malato Immaginario” di Molière nel nuovo allestimento di Guglielmo Ferro, in un intreccio tra comicità e teatro dell’assurdo. Qui il palcoscenico come finzione, come strumento per dissimulare la realtà, fa il paio con l’idea del protagonista Argante di servirsi della malattia per non affrontare “i dardi dell’atroce fortuna”: il malato immaginario ha più paura di vivere che di morire, e la continua ricerca di rimedi e cure da parte di medici improbabili crea situazioni esilaranti, tutte da ridere (23/01 ore 21.00). E poi: gli irresistibili misteri di Agatha Christie arrivano in teatro con “Trappola per topi”. La scelta di Lodo Guenzi come attore principale è emblematica, una promessa di imprevedibilità e insieme di esattezza, metodo e follia. E poi c’è la neve, la tormenta, l’incubo dell’isolamento, il sospetto che il confine tra vittima e carnefice possa essere superato in qualsiasi momento, con un plot ferreo ed incalzante impregnato di suspense e abitato da personaggi bizzarri e ambigui, con la regia di Giorgio Gallione (5/02 ore 21.00).

 

In esclusiva toscana sarà al Teatrodante “Lezioni di marketing romagnolo”, di e con il volto noto di Zelig Paolo Cevoli: un monologo tutto da ridere in cui l’imprenditore con l’hobby del cabaret racconta l’esperienza di manager della ristorazione. Con la sua innata simpatia Cevoli passa dalle origini della Pensione Cinzia di Riccione, gestita dalla famiglia, fino ai giorni nostri. Fa da sfondo una terra, quella di Romagna, che ha nell’ospitalità, nella laboriosità e nel buon umore il segreto del suo successo (17/02 ore 21.00). Ancora: una tragedia tutta da ridere, popolata da moderne maschere della commedia dell’arte. Ecco “Non è vero ma ci credo”, spettacolo di Peppino de Filippo con protagonista Enzo Decaro, per la regia di Leo Muscato. L’avaro imprenditore Gervasio Savastano vive nel perenne incubo di essere vittima della iettatura; un giorno sulla soglia del suo ufficio appare Sammaria, un giovane in cerca di lavoro. Sembra intelligente, gioviale e preparato, ma il commendator Savastano è attratto da un’altra qualità di quel giovane: la sua gobba. Da qui partono una serie di eventi paradossali ed esilaranti, che De Filippo aveva ambientato nella Napoli degli anni ‘30, e che qui si spostano più vicini a noi, negli anni ’80, in una Napoli un po’ tragicomica e surreale in cui convivevano Mario Merola, Pino Daniele e Maradona (24/02 ore 21.00).

 

Stefano Massini e l’Orchestra Multietnica di Arezzo con “Quando sarò capace di amare”. Cosa accade se un narratore come Massini si lascia ispirare dai brani di Giorgio Gaber? Cosa prende forma sul palco se i racconti del “più popolare cantastorie del momento” (la Repubblica) sbocciano dentro le canzoni della premiata ditta Gaber-Luporini? Da “I mostri che abbiamo dentro” a “La parola io”, da “Non insegnate ai bambini” a “Se io sapessi” e molti altri brani, Massini sceglie di coinvolgere il pubblico in un viaggio di echi e rimandi, in un unico grande omaggio al Signor G (1/03 ore 21.00). Al ricordo di Niccolò Ciatti, pestato a morte in una discoteca spagnola nella notte tra l’11 e il 12 agosto 2017, di Willy Monteiro Duarte, ucciso a pugni il 6 settembre 2020 a Collefferro (Roma), e di Simone Frascogna, freddato a Casalnuovo (Na) per non essersi lasciato superare con l’auto, è dedicato “Picchio ergo sum”, nuova produzione fortemente voluta da Fondazione Accademia dei Perseveranti, con la regia di Andrea Bruno Savelli. Tre giovani vite stroncate da altri giovani: sono loro la punta di un tragico iceberg, pieno di dolore e sofferenza. Quando si è spento il sorriso di quel bambino che ha fatto della violenza le ragioni della sua esistenza? Uno spettacolo che racconterà le vite che potevamo essere, che non sono state e che non saranno mai.

 

“Stiamo tentando di tornare alla normalità, speriamo definitivamente – commenta il sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi – e l’aver creato una stagione con la stessa passione e intelligenza degli anni passati, forse addirittura con un guizzo in più, non è affatto scontato. È un grande dato di merito per Andrea Bruno Savelli, che si conferma all’altezza della sfida, affiancato dal presidente di Fondazione Accademia dei Perseveranti Stefano Salvi e dal direttore generale Leonardo Fabbri. Tra l’altro mi preme ricordare che questa sarà l’ultima stagione teatrale che seguirò in qualità di sindaco, ma anche al termine del mandato continuerò a frequentare il Teatrodante da innamorato dello spazio e del lavoro di Andrea”.

 

“La nuova stagione del Dante parla dell’essenza del nostro teatro: nomi importanti insieme a produzioni interne. Ma lo sforzo più importante sarà riportare le persone in sala: ci siamo disabituati a uscire e a frequentare luoghi chiusi, dunque lo sforzo quest’anno va oltre il garantire la qualità del cartellone, per tornare a incontrarci tra le poltroncine e di fronte al palcoscenico con un pubblico campigiano e non solo. È una sfida importante, e sono sicura che ce la faremo”, dice l’assessore alle politiche Educative e Culturali di Campi Bisenzio Monica Roso.

 

“Dopo due anni finalmente siamo di nuovo in grado di presentare una stagione invernale – dichiara il presidente di Fondazione Accademia dei Perseveranti Stefano Salvi – con un programma ricchissimo. Ora occorre far capire al pubblico quanto è importante tornare alla vita e riprendere a fare quello che fino a poco tempo fa era del tutto normale ed ora è diventato ingiustamente inconsueto”.

 

Conclude il direttore artistico Andrea Bruno Savelli: “Abbiamo scelto per la stagione un titolo che evoca i social network, compagni costanti degli ultimi anni, ma che al contempo ne modifica il nome per bussare alla porta delle persone e invitarle a uscire. Per farlo abbiamo creato una programmazione coinvolgente, varia, con interpreti straordinari come Stefano Massini, campigiano di adozione, che torna da noi dopo essersi aggiudicato l’Oscar del teatro, Elio Germano che fa il Paradiso, e poi Lodo Guenzi, amatissimo da giovani e meno giovani, la commedia esilarante di Paolo Cevoli, Solfrizzi in Molière e De Caro in De Filippo, senza dimenticare le nostre produzioni: Fiona May, l’omaggio a Carlo Monni con “La beffa del grasso legnaiuolo”, e infine un testo su cui rimugino da anni sul fenomeno della violenza dilagante tra i giovani”.

 

Prelazione abbonati stagione 19-20 con conferma del posto: da mercoledì 20 luglio a sabato 30 luglio presso il Museo di Gonfienti (Rocca Strozzi via Roma 6 Campi Bisenzio)

Orari: mercoledì 20 e 27 luglio 20-23 / giovedì 21 e 28 luglio 9-13 / sabato 23 e 30 luglio 10-13 e 15.30-18.30, dal 30 agosto al 14 settembre presso il Teatrodante Carlo Monni dal martedì al venerdì 17-20, sabato 15-19

Nuovi abbonamenti dal 15 settembre (orario come sopra)

Vendita biglietti singoli dal 4 ottobre

 

Teatrodante Carlo Monni

piazza Dante 23

www.teatrodante.it

  1. 055 8940864

Whatsapp e Telegram 3463038170

biglietteria@teatrodante.it

 

Prezzi

Platea e palchi platea 23,50€ (ridotto under 18, over 65, studenti fino a 26 anni 20,00€)

Palchi I ordine 18,00€ (ridotto under 18, over 65, studenti fino a 26 anni 15,50€)

Palchi II ordine 13,50€ (ridotto under 18, over 65, studenti fino a 26 anni 11,50€)

Riduzioni (solo su biglietto intero stagione di prosa)

Coop -1€ non cumulabile

Arci, Auser -2 € non cumulabile

Chianti Mutua, Last Minute 17,50€

Carlo Card biglietto ridotto

Abbonamento

10 spettacoli 165€

Ai prezzi è necessario aggiungere il diritto di prevendita

 

 

Ufficio Stampa Teatrodante Carlo Monni

Chiarello Puliti & Partners

Sara Chiarello 329 9864843

Francesca Corpaci 339 2439292

press@chiarellopulitipartners.com

About Redazione

GazzettaToscana.it è un quotidiano on line della Toscana e non solo

Browse Archived Articles by Redazione

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com